martedì 8 dicembre 2020

TORTURA IN EUROPA



 Domenica 6 dicembre 2020 è andato in onda su Rai 3 nella trasmissione Est Ovest un documentario sulla Croazia che picchia i migranti . Si procede per reato di tortura  Il documentario si intitola: Tortura in Europa. Bruxelles chiede conto alla Croazia dei casi di tortura subiti dagli immigrati. Pazzesco vedere nei commenti che ci sia ancora chi difende il crimine 


TORTURA IN EUROPA - Est Ovest 6 dicembre 2020

TORTURA IN EUROPA 6/12/2020

Il disastro della rotta balcanica

Croazia, la violenza impunita sui migranti

Rotta balcanica e violenza sui migranti: le bestie e noi

Sentenza della Corte svizzera: polizia croata picchia i migranti

Croazia, gli abusi della polizia

Rifugiati in Croazia, preoccupazione del CoE

Croazia, la denuncia dell'ong: la polizia "marchia" i migranti che passano il confine.

Rotta balcanica: la violenza della polizia croata e la denuncia delle Nazioni Unite

Violenze della polizia croata sui profughi, il caso arriva all'Europarlamento

«Quelle delle polizia croata non sono violenze ma torture»

Picchiati a morte dalla polizia croata

L’orrore della porta accanto

Quelle delle polizia croata non sono violenze ma torture

Polizia croata sotto accusa

Nuove accuse di violenze da parte della polizia croata

Cibo versato sulle teste sanguinanti

Nuove prove di violenza in Croazia

Trieste, la storia di Umar: da profugo a volontario

Cosa non dovevamo vedere oltre il blocco della polizia croata

Eurodeputati bloccati dalla polizia croata

904 CASI DI VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI


In Croazia hanno subito ulteriori violenze. “Picchiati dagli agenti con manganelli avvolti nel filo spinato e presi a calci sulla schiena", scrive la Giudice Silvia Albano, "caricati su un furgone, arrivati a destinazione avevano di nuovo ribadito la volontà di chiedere asilo, ma erano stati portati sul confine con la Bosnia dove gli agenti hanno cominciato a fare il conto alla rovescia, terminato il quale avevano iniziato a colpirli e a spruzzare loro addosso spray al peperoncino, aizzando un loro pastore tedesco”.

Un'ordinanza storica: illegali i respingimenti dell'Italia verso la Slovenia

Nessun commento:

Posta un commento